martedì, febbraio 05, 2013

Quante cose sai fare!


Me lo dicono spesso. Quante cose sai fare! In effetti, vorrei impararne sempre di nuove!

Per quanto riguarda l'uncinetto, che come dice la mia cara Erba Viola nel suo ultimo post, accompagna praticamente tutte le mie visioni di film+divano+sera invernale, devo ringraziare la mia nonna. Ho imparato ad uncinettare quando facevo ancora il liceo: mi ricordo che passavo i pomeriggi cercando di far scorrere la maglia giù dall'uncinetto, cosa che mi pareva quasi impossibile da fare, all'inizio.

Invece poi diventa quasi un ricamare con l'aria, oltre che con i filati: dipingo con il filo, la mia tela è tridimensionale. Come insegnano molte artiste del free form, del crochet iperbolico, che vi consiglio di cercare sul web ed ammirare. La mia preferita, una musa ispiratrice, è Emily Barletta. Davvero una grande artista, da cui prendere suggestioni e ispirazione continua.

In effetti, seguendo il consiglio di Stella di qualche tempo fa, mi sono decisa ad acquistare un libro davvero ispirante: La via dell'Artista di Julia Cameron. Un libro percorso che si snoda in 12 settimane, e che ci accompagna lungo la nostra riscoperta creativa. Mi sono detta perchè no? Ho già qualche inclinazione artistica, ma sento il bisogno di indagare ancora più in profondità, oltre alle tecniche che già conosco, spingermi più avanti, oltre.

Per ora, volevo mostrarvi il mo ultimo lavoro crochet: uno scialle/scaldacollo/cappuccio, realizzato con gli avanzi dei gomitoli in giro per la mia cesta di filati.




Se volete realizzarlo anche voi, qui troverete il tutorial!

Ho realizzato anche delle nuove creme viso e corpo, per una scambio su Zero Relativo con una dolcissima barter, che trovate qui con il suo blog di candele. Anche lei come me produce candele, e le sue sono davvero meravigliose!

Queste sono le creme che le ho mandato, in cambio di olii essenziali purissimi, che serviranno per i miei saponi



Una delle due creme è rosa, grazie alla presenza di oleolito di Iperico, fatto da me con l'Iperico raccolto questa estate. Se volete cimentarvi anche voi nella produzione di una crema viso, ecco la ricetta base:

50 ml di olio di base
30 ml di acqua distillata
5 grammi di burro di karitè
3 grammi di cera di candelilla
30 gocce di olio essenziale a scelta

Sciogliete la fase grassa a bagnomaria, e portate l'acqua ad ebollizione in un altro pentolino. Aspettate che le due fasi, acquosa ed oleosa, siano intorno ai 60°C. Mescolatele e frullate con un minipimer, meglio se in bagnoaria a freddo.

Aggiungete gli olii essenziali, continuando a mescolare con una piccola spatola.

Invasettate in barattoli di vetro perfettamente puliti e sterilizzati.

Si conservano per circa 3 mesi.

Il 20 di febbraio mi aspetta un'attività davvero interessante: sarò al Caffè della Riparazione, organizzato dalla cooperativa Manusa. Si tratta di andare all'incontro con un capo di abbigliamento che vogliamo rinnovare, e farci insegnare...come si fa! Una bella iniziativa,sono contenta che sia nella mia città.
Con filati, uncinetto, matite e perline colorate ricerco la mia Via!


Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Permissions beyond the scope of this license may be available at cecilia.lattari@gmail.com.

30 commenti:

  1. E' vero, sai fare tantissime cose!!e quanto è rilassante l'uncinetto o la maglia alla sera...
    volevo chiederti un piccolo consiglio per la crema...io l'anno scorso avevo provato a farne una con una piccola quantità d'acqua insieme alla cera e all'olio ma dopo pochi giorni si era formata un po' di muffa..pensavo che fosse dovuto alla presenza di acqua...secondo te dove ho sbagliato?
    un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, è possibile che tu abbia messo troppa acqua: l'acqua comunqu è un ingrediente fondamentale per le creme...senza acqua o fase acquosa non c'è emulsione! Forse avevi messo troppa acqua, o le fasi non erano emulsionate, e quindi poi si è formata la muffa...

      Elimina
    2. Sì hai ragione...probabilmente non ho misurato bene la quantità dell'acqua.....questo weekend riprovo!!!

      Elimina
    3. Dai, fammi sapere! Usa le dosi che ho riportato qui sopra, a me funzionano perfettamente :)

      Elimina
    4. Cecilia, ho dato un'occhiata al pattern del collo....ho qualche difficoltà con la terminologia tecnica inglese...posso chiederti qualche consiglio??

      Elimina
    5. certo! comunque se vuoi questo è un link utile: http://www.abchobby.it/hobby/maglia/traduzione_punti_maglia_uncinetto.html

      Elimina
    6. Grazie!questa pagina è molto utile!:)

      Elimina
    7. Ciao cecilia, scusami se ti faccio tutte queste domande....ma per fare il collo hai usato lana o cotone??

      Elimina
    8. Ciao valentina, io ho usato filato acrilico. La lana non la uso, essendo di provenienza animale. :)

      Elimina
    9. Sì sì per lana intendevo quella acrilica!;)ne ho tantissima da far andare e questo progetto e proprio l'ideale per mettere insieme un po' di sfumature diverse....dalla foto però non riuscivo a capirne la resa...in certi punti mi sembrava cotone!:)

      Elimina
  2. notavo una cosa: non sorridi mai nelle foto. peccato.

    bravissima per i tuoi lavori, hai veramente molta maestrìa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Bibi: si, diciamo che per catturare un sorriso bisogna che sia spontaneo, e quando mi facio le foto da sola per mostrare i miei lavori...non mi riusulta tanto semplice sorridere :)

      Comunque giuro: ho anche delle foto in cui sorrido! :))

      Elimina
  3. Vorrei tanto imparare a fare l'uncinetto!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è solo questione di pratica: basta iniziare, che poi viene da sè! Provar non nuoce :)

      Elimina
  4. Ma hai proprio le mani d'oro! Bellissima, col cappuccio sembri una folletta. :D
    Anch'io stacco bene la testa dai libroni intrecciando fili..gli esagoni che hai visto son diventati cuscini, poi. Sarebbe davvero bello crochettare insieme qualche volta.
    un bacio :*

    RispondiElimina
  5. Che bei cuscini che devono essere venuti fuori allora! Si, qualche volta crochettiamo insieme, sicuro. Un bacino stellina mia :*

    RispondiElimina
  6. Ti invidio molto per la nonna insegnante, io ho dovuto imparare guardando dei video online e non è certo la stessa cosa, calore zero :P
    Carinissima la nuova creazione e le cremine ma che te lo dico a fare? è sempre una meraviglia quando passeggio qui nel tuo blog ^_^
    Svi

    RispondiElimina
  7. p.s. non è la prima volta che incappo in rete nella recensione positivissima di quel libro, penso che lo prenderò anche io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti credere, la mia nonna non è così chiara come i tutorial...devi cogliere il senso mentre ti fa vedere velocissima come fa a fare il punto. Se lo capisci, bene, sennò te lof a rivedere sempre velocissimo perchè più piano non le riesce ;)

      Tu hai imparato benissimo, i tuoi cappelli sono spettacolari!!

      Elimina
  8. La via dell'artista è un libro... speciale. O almeno per me lo è stato.
    Ne ho parlato e recensito su Illustrilla... quando l'avrai finito mi piacerebbe sentire il tuo parere :)
    Un abbraccio cara!
    Ila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andata a leggere la tua recensione...e mi trovo già d'accordo con te. questa è la mia prima settimana, stamattina ho scritto le mie prime pagine del mattino...e davvero posso dire che GIA' stanno cambiando qualcosa. Possibile?

      Elimina
  9. Possibile :) Con quel libro tutto è possbile... e ti assicuro che succede di tutto.
    E questo lo sostiene chi lo ha letto...
    Se già vivi di sincronie, vedrai adesso :)
    Fammi sapere, son curiosa ;)

    ILa

    RispondiElimina
  10. bellissimo, lo vedrei benissimo come coprispalle su un semplice vestitino nero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, vero? ma sta bene anche sui colori...! un bacio cara, buona giornata!

      Elimina
  11. ciao Edera!sono Asha,ti ho cercato su zerorelativo ma non riesco a trovarti.....una signora mi ha regalato delle stoffe e dei filati,avrei voluto fare scambio dei filati,perchè non sono brava con l'uncinetto,il fatto è che sono mancina e quando ero ragazzina mia nonna diceva di non riuscire ad insegnarmi,e infatti il lavoro veniva sempre sgarrupato....vorrei riprovare questa estate,al momento sono indaffarata ad imparare a cucire.
    sei bravissima a raccontare le cose,trasmetti calma e un' insolita magia delle cose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara Aha, come non sei riuscita a trovarmi? il mio nick è Edera: qui trovi la mia pagina http://www.zerorelativo.it/Edera
      Se hai dei filati interessanti possiamo fare uno scambio, certo :)

      Grazie mille per le tue parole <3

      Elimina
  12. Tesoro, torno qui per dirti una cosuccia: domani (8 febbraio) alle 9.30, troverai sul mio blog (Illustrilla) una sorpresina per te:)

    Baci
    Ila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Vhe bello...sono emozionata! Grazie <3<3<3

      Elimina
  13. oh mi avete fatto venire voglia di prendere sto libro pure a me. ceci cara ti penso sempre. un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nettolina mia, anche io ti penso. Ti voglio bene e spero prima o poi di riabbracciarti! :*

      Elimina