martedì, febbraio 28, 2012

Come mia nonna


Sarà che mia nonna ha sempre fatto la sarta, e che anche ora, ad ottanta e passa anni, cuce ininterrottamente, ma mi sono resa conto, negli ultimi tempi, che il cucire fa parte del mio dna. Non so neanche bene come si fa: però davanti alla macchina da cucire so cosa si deve fare.

Negli ultimi anni ho cucito poco: il lavoro in negozio era infruttuoso sia all'interno del negozio stesso, che al di fuori. Adesso ho così tante cose da fare...

Mi permetto una piccola digressione: ho sicuramente fatto una scelta di vita impopolare. Non solo vivo in montanga, sono vegana ;) , faccio l'orto e autoproduco il più possibile, ma sono anche felice di organizzare il mio lavoro facendo l'artigiana (e guadagnando non tantissimo, ma quello che basta), e di dedicare le mie giornate alla cura del quotidiano. Molte persone penseranno che sono pazza. Che invece di portare avanti un'attività, o di trovare un vero lavoro, vivacchio facendo robine qua e là. Invece non è così: lavoro molto di più adesso, che prima! E sono felice di questo stile di vita,non mi manca davvero niente, anzi, tutto è così abbondante, specialmente adesso che si iniza a sentire la primavera!

Togliendo le foglie residue dall'orto, ho trovato dei piccoli radicchi rossi caparbi, sopravvissuti sotto la neve. Il prezzemolo, i broccoli, il sedano e le aromatiche riprendono tutte vita: spuntano le cicoriette, e nei prati tra poco ci sarà abbondanza di tarassaco...per non parlare delle nuove semine.

E adesso che ho anche ricominciato a cucire, chi mi ferma più?


 Questa è la gonna che ho realizzato tra ieri e oggi. E ho cucito anche altri due vestiti! E ovviamente ho altre mille idee che sfrullano nella mia testolina, oltre a candele e sapone da realizzare per i nuovi mercatini.

La nostra pasta madre è sempre più attiva. Questo qua sotto è il pane al curry che abbiamo fatto domenica, buonissimo, e lievitato alla perfezione.


 Mentre lo sfornavo pensavo a lei, mia amica e spacciatrice di pasta madre, e a lei, che nel suo ultimo post ci ha regalato delle bellissime foto del suo pane.

Fare il pane con la pasta madre riconnette alla Terra, e mi fa sentire vicina alle Sorelle sparse per il mondo, che panificano, impastano e amano con pienezza.


Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Permissions beyond the scope of this license may be available at cecilia.lattari@gmail.com.

34 commenti:

  1. Questo pane è splendido! Un giorno dovremmo incontrarci con le nostre "bimbe" e fonderle insieme...che ne dici? Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, che bella idea!!!

      Con la Primavera poi mi sembra proprio di buon auspicio :)

      Elimina
  2. ciao, che bel post. inutile dire che sono d'accordo con te al 100%, anche io vivo bene con poco..perchè..come dice yummy..il vero tesoro è il tempo che possiamo dedicare a noi stessi, ed a una vita slow, fatta di odori e sapori genuini..bel post..e buon cucito:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, non so chi sia yummy ma...sono d'accordo anche io!

      Elimina
  3. proprio ieri sono stata rimproverata perchè adesso ,secondo qualcuno"non lavoro", ..diciamo che "vivacchio" anch'io :) e poi mi trovo a leggere post come questo e so di essere sulla direzione giusta :) grazie di cuore per le tue condivisioni, alcune di esse diventano delle belle ispirazioni..sono come acqua fresca per piccoli germogli che ho già dentro. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono così felice di poter essere fonte di ispirazione! Bene, continua così cara <3

      Elimina
  4. Non possiedo una macchina da cucire ancora, ma anche io sono come te.
    Sono cresciuta circondata da stoffe e fili.

    Pian pianino sto cercando di realizzare i miei sogni.
    Nei nostri progetti ora ci sarebbe una casa in campagna...
    Speriamo bene!

    La tua gonna e' fantastica!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che non appena avrai la macchina da cucire...ti sembrerà di averla sempre avuta! Un abbraccio e grazie :)

      Elimina
  5. la tua non è una scelta impopolare...anzi...in questi tempi di recessione è più che intelligente.....anche io da quando ho eliminato alcune cose nella mia vita, mi sembra di avere più cose da fare, da seguire....e poi creare, impastare, dipingere, fare la maglia, spignattare, cucire...quanta soddsfazione danno???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantissima :)
      Buon spignattamento, allora!

      Elimina
  6. Buon cucito e buon impasto...cose bellissime da veder scritte :)

    RispondiElimina
  7. Bravissima!!!quoto pienamente tutto cio' che hai scritto...anche io sono vegetariana e anche io vivo facendo l'artigiana...beata te che vivi in montagna,sarebbe il mio sogno...Anche io sto imparando a cucire e devo dire che e' una cosa che da veramente delle belle soddisfazioni!!!baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, vivere in montagna è bellissimo e sono così grata per poter vivere qua :)
      Baci a te e buon lavoro!

      Elimina
  8. Che dire, cara?
    Anche le mie nonne erano entrambe sarte e anch'io (che, come sai, sto cominciando a intraprendere il tuo stesso cammino) ho iniziato a cucire. Non l'ho mai fatto, sto lavorando come autodidatta.
    Magari fatti dare qualche consiglio dalla tua nonna, dato che hai la grande fortuna di averla accanto a te! A me, le mie, mancano tanto...
    Ah, e la gonna è bellissima - sappilo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro,
      e sai che epr qualsiasi cosa...io sono qui!

      Elimina
  9. Bellissimo post!!! anche a me piace tanto cucire, come faceva mia Nonna, che ha vissuto fino a 96 anni sempre con qualcosa da cucire, ricamare o sferruzzare.. :) E' la mia piu' grande ispirazione! E sono d'accordo con il tuo lavorare quanto basta x vivere alla giornata.. lo faccio anch'io ed e' bellissimo ♥

    un bacio dalla California :)

    RispondiElimina
  10. Le nonne migliori facevano tutte le sarte, chissà perché! e hanno le mani d'oro, c'è tanto da imparare da loro. Osservo le stesse cose curiosando vicino alla mia casina in campagna...sotto le foglie secche c'è vita verde che riparte, che meraviglia. Per tutto il resto, sono strabiliata dalle cose fantastiche che inventi.
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro mio....come ti dicevo, goditi questo risveglio primaverile :)

      Elimina
  11. La vita che fai è molto impegnativa ma bellissima. Hai la fortuna però di sapere fare veramente tante cose!!! Io mi sono lasciata sfuggire la possibilità di imparare la maglia da mia nonna che ci riempiva di maglioni e quant'altro; mia mamma sa cucire ma non ho ancora imparato bene e manca sempre tempo per iniziare qualcosa...Quella gonna è molto bella, mia piace anche tanto la maglietta a dire la verità. Di che tessuto l'hai fatta la gonna?
    Buona Vita, Silvia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gonna è fatta di maglina: ho preso uno scampolo al negozio di stoffe in città. Mi piacevano un sacco i colori!

      Elimina
  12. Ciao Edera, quanto invidio la tua vita "da strega" e quante cose ho ancora da imparare. Meno male che esistono blog come i tuoi dove poter prendere spunto per intraprendere una vita migliore fatta di scelte consapevoli e tanto amore per le cose veramente importanti nella vita.

    Leggendoti mi rendo conto che ho fatto la scelta di vita giusta....

    Passa a visitarmi se ti va....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono passata, hai un bellissimo blog che adesso metto nei preferiti...grazie a te per essere passata di qua :)

      Elimina
  13. La tua scelta di vita non è affatto folle, a me sembra quanto di più vicino alla natura umana. Nel mio piccolo cerco di autoprodurre più che posso, sono vegana e dallo scorso anno ho iniziato a cucire e lavorare all'uncinetto, cercando di affrontare la crisi economica e la disoccupazione (a parte qualche lavoretto freelance sporadico) in modo produttivo.
    Prima perdevo ore al pc tra un invio di un cv e l'altro o passavo mesi dentro a call center che puntualmente chiudevano per riaprire sotto altro nome.
    Ora che vivo in montagna (fino a luglio almeno)dove non ci sono call centers mi diletto a produrre piccoli accessori che spero di vendere. E devo dire che mi da molta più soddisfazione di lavorare con qualche co.co.pro.

    T.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)

      continua così cara!!
      un abbraccio, e grazie :*

      Elimina
  14. Uh che bello tutto! Anche io, appena ho imparato le nozioni di base, mi sono messa a cucire come una pazza...ho fatto un sacco di pupazzi, ma per il momento non mi sono cimentata ancora con i vestiti!

    Credo che sia giusto che ciascuno cerchi ciò che lo fa star bene. Togliere ad alcune persone le 12 ore di lavoro giornaliere sarebbe come togliere loro il senso della vita (posizione che naturalmente non condivido e che, di solito, ritengo nasconda altri problemi); mettere altre in un ufficio è come togliere loro il respiro. Se questa è la scelta che ti fa stare bene e vivere serena, ma comunque autonoma e padrona di te stessa, che parlino pure :)

    Un abbraccio, con grandissima stima

    Stella
    www.artedelcambiamento.tk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si. Hai ragione, c'è chi se lo metti a vivere in campagna dopo due giorni impazzisce...

      i tuoi pupazzi saranno stupendi, anche tu hai le manine d'oro!

      Elimina
  15. cara Edera..come sempre sei meravigliosa! e sono assolutamente d'accordo con Topogina sulla grandissima cosa che tu fai con questo blog(magari senza rendertene pienamente conto)e cioè 'spacciare' il seme del Cambiamento! proprio quello con la 'C' maiuscola, quello giusto, quello che secondo me la Dea ci sta chiedendo da tempo..ma te lo sai già quanto sei il mio faro...
    ne approfitto per dirti che ho ufficialmente iniziato il mio progetto mercatini e ora sono in piena produzione! :) ho fatto anche un sito dove mostrare le mie creaturine (www.wix.com/catcat71/antrodimorganaecagliostro) ma anche se l'ho pubblicato ancora non è visibile sig sig (qualche consiglio in merito?)
    avendo un lavoro sicuro per ora me lo tengo stretto ma non ti nascondo che il mio sogno è quello di arrivare presto a fare il gran salto! :)
    anch'io voglio imparare ad usare la macchina da cucire che sicuramente è una grandissima alleata nei progetti di decrescita..è da molto che ci penso e ora voglio farlo!! e a proposito..bellissima la tua gonna e bellissimi i suoi colori
    un abbraccio grande grande, Caterina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che meraviglia il vostro sito!!
      Consigli non ne ho molti...io cerco di pubblicizzarmi su twitter, sull'altro blog, su facebook, su blomming..insomma, uso la rete per ampliare ilmio messaggio e quello che produco.

      anche io ho un sito su wix: http://www.wix.com/fattoconamore/edera

      grazie mille per le tue parole, mi sostengono sempre molto...e poi nella foto hai il mio cappello :)))

      Elimina
    2. sapevo del tuo sito..è da lì che sono partita per fare il mio.. :)
      Riguardo al mio per ora mi basterebbe che se do il suo indirizzo a qualcuno, digitando in google lo potesse trovare e questo per ora non accade! ma ho anche letto che per i primi tre mesi potrebbe essere normale..però sono troppo felice che partendo dalla mia risposta tu sia riuscita a trovarlo!!!!! :)))
      E per la foto col cappello..ce l'ha scattata mio figlio a Barcellona quando ci siamo stati in gennaio..mi piaceva molto, ma non lo messa solo per quello..voleva essere anche un omaggio a te!! L'ho messa apposta :) e quindi sono ancora più felice che tu l'abbia potuta vedere :))) tra l'altro ti volevo chiedere se ti fa piacere se ci aggiungo sotto una noticina che rimandi a te..
      ancora un abbraccio..

      Elimina
    3. Certo che mi fa piacere...piacerissimo!!

      Fammi sapere quando ci sarà :)

      un abbraccio a te!

      Elimina
  16. Ciao Edera,
    è un piacere essere qui e scoprirti.
    Ammiro tantissimo la vita che hai scelto di portare avanti e trovo il tuo blog fonte di grande ispirazione.

    Grazie per le parole che hai lasciato sotto il mio post... :-)
    Ci vedremo qui spesso :-)

    RispondiElimina
  17. La macchina da cucire, un po' come i ferri da calza, mi danno l'idea di poter mettere insieme dei pezzi e farne qualcosa: qualcosa di nuovo, a volte utile, partito da zero o quasi. Per chi come me vive in città non sono tante le occasioni per sentirsi, come dire, produttori di qualcosa. Ed è una bellissima sensazione.

    RispondiElimina