lunedì, dicembre 19, 2011

yule (e consider-Azioni)

foto scattata a Bagnolo durante un mercatino


Siamo vicini a Yule, il solstizio di Inverno. Il momento più buio dell'anno, e allo stesso tempo la celebrazione della Luce che nasce, della speranza. Della tenacia, direi, dell'essere sempre-verdi. Nonostamte le difficoltà, i pensieri scuri, i periodi premestruali. Nonostante le paure, l'abbandono, le voragini che ognuno di noi ha in sè. C'è il Sole a ricordarci che il potere è intorno e in noi. Basta chiudere gli occhi, fidarsi. Sentire i raggi del sole che anche in Inverno ci riscaldano. Il freddo è arrivato tutto insieme, come se con la sua rigidità volesse recuperare i giorni di ritardo. Non possiamo farl altro che accoglierlo, riflettere, scaldarsi, entrare dentro noi stessi e trovare il calore invincibile.
Il nostro altare per Yule

 Alberello di Yule, realizzato con frasche di abete trovato già tagliato nel bosco.



Gufetto che il Re delle Fate ha donato al nostro altare. Il gufo bianco è il mio animale guida, l'animale che mi protegge, mi consiglia.

Con l'arrivo del freddo, la stufa a legna deve lavorare di più. E a volte questa cosa è davvero noiosa: la stufa, se sta spenta tutto il giorno perchè in casa non c'è nessuno, fa fumo, non si accende, non scalda. Ecco perchè il Fuoco era sacro, diceva giustamente ieri sera il Re delle Fate. E' vero. E' difficile accendere la stufa, a volte. Vorresti avere un pulsante, click, e accenderla automaticamente. 
Come si fa con il riscaldamento.
Badate bene, io non sono una fissata con la scomodità:piacciono anche a me i comfort della vita moderna. Ma ho scelto di fare a meno di qualcosa, per risparmiare, inquinare meno, sfruttare le risorse del luogo dove vivo.

Quindi, che cosa accade quando bisogna fare una cosa?
Si deve, obbligatoriamente, usare il cervello. 

Non basta premere un pulsante: bisogna pensare a come poter fare per ottenere quello che si vuole con il massimo comfort. 
Portare la legna in casa, farla asciugare. Raccogliere piccole pigne e rametti secchi, per accendere il fuoco velocemente. Coccolare la fiamma, cantarle una canzone. Imparare anche attraverso internet piccoli trucchi di accensione. Portare dal giardino alla legnaia i legni rimasti fuori (e intanto fare attività fisica, un-due, altro che palestra, qua si fa palestra sotto ai castagni!) e metterli a posto, imparare l'arte del se metto bene avrò più spazio.

Godersi la soddisfazione del fuoco acceso, da noi! davvero! ce l'abbiamo fatta! e della casa riscaldata.

E quindi utilizzare il pensiero e trasformarlo in azione, cosa che siamo disabituati a fare. Tutti pensiamo molto, astraiamo, ma non applichiamo alla realtà quello che pensiamo, o comunque lo facciamo in minima parte.

Possiamo accendere un pulsante, avere la casa riscaldata e passare la serata sul divano a guardare la tv.
Oppure, imparare ad accendere un fuoco!

Vi auguro che il vostro Fuoco sia sempre, sempre acceso.
Felice Yule!


Foto scattata a Bagnolo

12 commenti:

  1. Leggere questo post è stato favoloso...io adoro queste cose, adoro gli animali-totem, adoro le tradizioni celtiche e, in generale, quelle del Nord Europa...amo gli Indiani d'America e le loro perle di saggezza...questo per dirti che con questo post mi sento a casa...e mi fa immenso piacere avere queste affinità elettive....figurati, ho la stufa a legna! E capisco quando parli di fumo!
    Felice Yule anche a te! =)

    RispondiElimina
  2. presa dalla frenesia dimenticavo di dirti che le foto e ciò che rappresentano, tutti gli oggetti...beh sono bellissimi!
    Credo che il mio animale guida sia il lupo...tu come conosci il tuo? mi farebbe piacere saperlo.

    RispondiElimina
  3. Io l'ho scoperto grazie a visualizzazioni fatte nel mio periodo di studi magico, e poi grazie a due incontri reali con questo animale, in luoghi e momenti davvero significativi :)

    Grazie per i complimenti!

    RispondiElimina
  4. ci risono! =) hai qualche libro da consigliarmi per quanto riguarda questi culti della Terra, le tradizioni celtiche ecc? Grazie

    RispondiElimina
  5. che bello io di solito ho sognato il lupo...ma non l'ho mai visto dal vero cioè come faccio a trovarmi dinanzi a un lupo? Questa estate però il mio animale "ricorrente" è stato un insetto: la farfalla. Una di esse mi si è posata in testa e già da prima di questo incontro, nei sogni, sogno spesso di volare....
    sarò lupo o farfalla? mah! =)
    Quanto vorrei fare delle visualizzazioni e capirlo...
    Ciao

    RispondiElimina
  6. Non sarebbe bellissimo se avessimo ancora la possibilità di tenere sempre acceso il fuoco sacro all'interno delle nostre case? Sigh. Baci... Bello l'altare!!!

    RispondiElimina
  7. Felice Yule,cara! :) foto bellissime!

    RispondiElimina
  8. Felice solstizio =*
    Quanto sono vere le tue parole, anche io amo i confort, ma certe cose sono impagabili e spesso da molta più soddisfazione e felicità faticare ed agire piuttosto che avere tutto già "pronto".

    RispondiElimina
  9. Felice Yule a te cara stellina, e tanti giorni sereni a venire :) Ero passata per un salutino e ho trovato tutte queste belle foto calde e un po' di fuoco di stufa a legna è arrivato fin qui, tra chi è ancora condannato al metano! Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  10. Ho letto del tuo animale guida....è una vita che desidero sapere qual'è il mio!
    Sai dove posso scoprirlo? Blog Libri qualunque modo...
    Grazie ^^
    Rebecca

    RispondiElimina
  11. Ciao Rebecca, come dicevo poco sopra, non ho una formula per trovare l'animale guida. Io l'ho scoperto attraverso visualizzazioni, sogni, ed esperienze reali. Buon Cammino!

    RispondiElimina